Questo, era Titubo sano e felice

 

guardate come l'hanno ridotto!

 

Titubo riesce solo ad alzare la testa,

paralizzato e ha grosse ferite e piaghe profonde,

qui dove e come volevano curarlo!

 

 

10 Aprile 2002

La LAV, Lega Antivivisezione di Matera denuncia - di Elisa D'Alessio

La Sconcertante, Drammatica e Scandalosa storia di Titubo

Il cane ritratto nelle foto non un cadavere, un animale ancora vivo!

Il cane che vedete nelle foto  la vergognosa condizione in cui costretto Titubo, dopo essere stato investito. Non morto. e' incredibilmente ancora vivo. Le foto che vedete sono state scattate clandestinamente l'8 aprile nel rifugio privato convenzionato con il Comune di Matera, il rifugio a contrada Matinelle; il proprietario del rifugio convenzionato lo stesso che gestisce il canile sanitario municipale di Picciano "A". Canile e rifugio sono gestiti dalla Argo srl (amministratore unico Massimo Locapo);il Comune di Matera spende circa 700 milioni di lire l'anno per tenere reclusi 700 cani: la somma corrisponde al 10% del bilancio corrente del Comune.

Titubo, dicono, stato investito da un'auto tra il 23 e 25 marzo. Accalappiato, stato portato prima al canile sanitario e successivamente al rifugio privato convenzionato con il Comune di Matera. Il cane era sparito il 25 marzo, per poi essere ritrovato in queste condizioni disperate, con la sua espressione sofferente, con il bacino fratturato e paralizzato, con piaghe larghe e profonde!!

Il gestore del canile sostiene che il cane in cura. Lo ha dichiarato davanti al Sindaco e a diversi Consiglieri comunali. ma le foto parlano da sole. A Titubo non viene prestata alcuna cura!!! Non riesce a muoversi ed "buttato" in un recinto senza ripari.

E' certo che il veterinario della ASL far in maniera tale che tutto risulti a posto. La Lav ne ha chiesto l'affidamento per salvare il cane da questa condizione disperata, ma necessario aspettare che il veterinario ASL responsabile rientri in servizio!!!

Questo il comunicato stampa di Elisa D'Alessio

apparso su animalieanimali.it da cui abbiamo appreso la notizia.

 Speravamo ancor prima di contattare la Lav che dopo vari comunicati stampa, e centinaia di proteste pervenute: al Sindaco di Matera, al Dirigente ASL, al Veterinario responsabile ASL, al Dirigente Servizio veterinario Asl, al Prefetto di Matera, alla Gazzetta del Mezzogiorno, alla Rai 3 Basilicata, alla Nuova Basilicata e a Il Quotidiano,Titubo fosse gi stato adottato da una famiglia.

 

Abbiamo liberato Titubo

Aggiornamenti dopo l'intervento

La visita degli amici di Matera

Titubo ringrazia

Oggetto: Titubo

Rimarrai nei nostri cuori

Comunicazione clinica

Torna a:

Viaggio della speranza

Uniti per salvare Titubo